Domande frequenti Sviluppo Professionale

Sviluppo professionale dei membri AIIC Italia


1) Quante giornate di formazione sono necessarie per adempiere all’obbligo di formazione permanente? Bisogna farne 4 in due anni; il primo biennio va dal 1/1/2015 al 30/12/2016
2) Se divento membro a metà biennio o comunque dopo almeno sei mesi dell’inizio di un biennio quanti giorni devo fare? L’obbligo sarà proporzionale: a metà biennio basterà fare 2 giornate, e almeno sei mesi dopo l’inizio del biennio solo 3.
3) Se frequento un corso di lingua collettivo quante ore saranno necessarie per fare una giornata? Ci vorranno 12 ore.
4) E se il corso è individuale? Allora solo 6.
5) Se frequento una conferenza, seminario etc.quante ore dovrò accumulare per fare una giornata? 4 ore fanno una mezza giornata e 8 ore una giornata intera (vengono prese in considerazione anche frazioni di giornata, tipo 2 ore).
6) Quand’è che NON devo chiedere autorizzazione preventiva a frequentare un Corso? Quando il corso è organizzato da AIIC, AIIC Italia, da una Regione AIICo dalla Commissione Sviluppo Professionale (CSP). Li trovate nelle apposite sezioni del internet dell’AIIC e di quello di AIIC Italia. Il Membro dovrà solo chiederne il Rionoscimento a frequenza avvenuta, allegando Attestato e Programma del Corso.
7) Da chi devo far firmare l’Attestato? Due situazioni: 1. Il Corso prevede il rilascio di un Attestato ed è valido. 2. Non lo prevede quindi bisogna munirsi del nostro Attestato (si trova sul sito sotto Sviluppo professionale - Modulistica), compilarlo con i vari dati e farlo firmare o dal collega organizzatore/responsabile (firma leggibile) o dall’organizzazione con firma E timbro.
8) Posso far valere un Corso durante il quale ho lavorato come interprete? No, il Regolamento lo esclude.Questo principio vale per tutte le professioni.
9) Se sono docente in un corso di formazione, posso farlo valere e quanto? Il Regolamento prevede che si potrà far valere la metà dei giorni di insegnamento.
10) Sono valide le riunioni del PRIMS e del Colap? Si’, a tutti gli effetti, perchè fanno parte dell’attività associazionistica.
11) So che posso segnalare iniziative varie, conferenze e sottoporle all’attenzione della Commissione Sviluppo Professionale, ma che tipo di corso è accreditabile?

Recita il Regolamento:

- le iniziative di formazione organizzate da altre Associazioni di Interpreti
- le iniziative di formazione organizzate da università, imprese, altri enti o associazioni;

- i corsi e le attività all’estero

- i corsi su internet, i webinar e le conferenze in rete i cui contenuti siano pertinenti allo sviluppo professionale dell’interprete di Conferenza.

Ampia scelta quindi!

12) Cosa ricevo quando ho mandato gli Attestaticorrispondenti a 4 giornate, con i relativi programmi? Una Lettera di avvenuto espletamento dell’obbligo di formazione continua firmato dal Coordinatore della CSP.

13) Che cosa succede se non completo le 4 giornate entro il biennio? La Commissione Formazione fa un richiamo informale, poi si rischia l’espunzione dalle liste dell’Associazione depositate al MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) fino al momento dell’adempimento dell’obbligo; infine ci si espone all’ istruzione di un fascicolo d’infrazione e deferimento all’AIIC da parte del Consiglio Direttivo. Inoltre, non si potrà ricevere l’attestazione di qualità rilasciata da AIIC Italia. Ma siamo sicuri che 2 anni saranno piu che sufficienti per rispettare l’obbligo!

14) Ma perchè devo fare tutto questo??

La Legge no. 4 del 2013, Art.2, terzo comma, recita:

Le associazioni professionali promuovono, anche attraverso specifiche iniziative, la formazione permanente dei propri iscritti, adottano un codice di condotta ai sensi dell'art. 27-bis del codice del consumo, vigilano sulla condotta professionale degli associati e stabiliscono le sanzioni disciplinari per le violazioni del medesimo codice.

Lo scopo è (comma 7): L’elenco delle associazioni di cui al presente articolo che dichiarano,con assunzione di responsabilità dei rispettivi rappresentanti legali (il Presidente), di essere in possesso dei requisiti ivi previsti e di rispettare le prescrizioni di cui agli articoli 5, 6 e 7 è pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico nel proprio sito internet …

Questa norma è così ‘tradotta’ nello Statuto e nel Regolamento dello Sviluppo Professionale:

Statuto - Art. 6: AIIC Italia richiede il rigoroso rispetto dell’obbligo di aggiornamento e sviluppo professionale costante

Regolamento (Preambolo): “L’interprete di conferenza ha il dovere, verso se stesso in quanto professionista e verso i propri committenti, di tenere il passo con la continua evoluzione delle proprie lingue di lavoro nonché di rafforzare e aggiornare sia le competenze linguistiche, sia le conoscenze extra-linguistiche inerenti agli ambiti disciplinari in cui è chiamato ad operare.”


Recommended citation format:
AIIC. "Domande frequenti Sviluppo Professionale". aiic-italia.it February 4, 2016. Accessed December 16, 2017. <http://aiic-italia.it/p/7531>.